PITTI 100
Editoriale
Edizione 100
24.05.2021
L'iconico numero – declinato in cento modi diversi - sarà il tema dei saloni estivi di Pitti Immagine. Una grafica multiforme, firmata dal designer Francesco Dondina, colorerà la Fortezza da Basso coinvolgendo la fashion community in un esercizio di creatività. Traguardo e ripartenza insieme, in un unico messaggio
“Pitti 100” è il tema conduttore delle edizioni estive dei saloni di Pitti Immagine. L'idea è nata e si è sviluppata intorno a Pitti Uomo, giunto alla sua 100esima edizione, e si è poi estesa a Pitti Filati e Pitti Bimbo, declinandosi nei format espositivi “100% Filati” e “100% Bambino”. 

A firmare logo e grafica, che caratterizzeranno l'allestimento in Fortezza e la campagna adv, è Francesco Dondina, visual designer, docente e curatore, autore di importanti progetti nei settori della moda, del design, dell'arte e della cultura. 

Il logo delle tre manifestazioni si fonda su un elemento fisso: il lettering PITTI, suddiviso su due righe. La “I” finale, attraverso l'eliminazione di un piccolo tratto, si trasforma nel numero “1” di 100. 
Gli zeri, leggermente sovrapposti in un abbraccio che simboleggia l'intersezione tra la fiera fisica e il digitale di Pitti Connect, costituiscono invece l'elemento dinamico: interpretati graficamente in cento modi diversi, diventano icone di un sistema di combinazioni che, come in un kit creativo, si interscambiano adattandosi alle varie esigenze di comunicazione.
Il 100 è un numero forte, significativo, tondo e promettente. È sicuramente un traguardo, ma – se letto al contrario, 001 – diviene il simbolo di un nuovo inizio. Fin da subito ci è apparso come una grande opportunità per esprimere il mood con cui ci apprestiamo a progettare e organizzare i nostri saloni estivi, tornati finalmente in presenza. La centesima edizione di Pitti Uomo non sarà pura celebrazione con intento retrospettivo, sarà piuttosto un appuntamento che rilancerà il nostro modo di far parlare brand e designer guardando sempre al futuro. Il progetto grafico di Francesco Dondina, con i suoi cento modi diversi di scrivere 100, rappresenta bene l'anima di Pitti: creativa e multisfaccettata, Non a caso, alcuni dei brand protagonisti in Fortezza sono già al lavoro per interpretare - attraverso uno speciale “capo 100” - il tema dei nostri saloni

— Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine

Mi sono innamorato da subito di questo lavoro perché ci ho visto un’attitudine ludica e aperta. Il 100 è un numero espressivo e positivo, invita a guardare avanti. Io l'ho rivestito di forme grafiche dai toni caldi, solari e gioiosi, e ne ho fatto un sistema dinamico, fluido, mai ripetitivo ma allo stesso tempo capace di mantenere la propria identità nel cambiamento. Nell'interpretare graficamente i due zeri in cento modi diversi, e creando le tre declinazioni Uomo, Bimbo e Filati, ho immaginato di offrire uno sguardo disponibile e adattabile alle mutazioni che l’epoca storica nella quale stiamo vivendo ci invita a perseguire

— Francesco Dondina, graphic designer