16 luglio - 9 ottobre 2020
Around the World with Pitti

MAX ENRICH
News
Edizione 98
14.09.2020
Il designer Max Enrich riesce a trovare l'equilibrio perfetto tra design ed estetica. Le sue creazioni sono pezzi a metà tra l’homeware e un’opera d’arte. Alla ricerca di soluzioni efficienti per formati inaspettati, Max gioca con i limiti della forma e della funzionalità. Utilizzando materiali come pietra, ferro e legno, trae ispirazione dalla loro semplicità e naturalezza per creare pezzi nuovi e delicati. Abbiamo parlato con Max del suo processo creativo, della cultura della sua città natale, Barcellona, e delle prospettive future del suo brand.
Cosa ti piace della vita a Barcellona?
Mi piace la diversità delle opzioni. Vivo in una zona molto tranquilla, non ci sono turisti e le attività commerciali sono poche. Quindi, quando voglio calma, resto qui. Ho uno studio a Gracia, che è un quartiere pieno di vita. Non ci sono molte macchine, vedi per lo più persone che camminano e vanno in bicicletta. Ci sono molti bar e la vita notturna è vivace, la città è viva.

Com'è il centro della città?

C'è troppa energia per me. Di solito ci vado perché magari ho una riunione o devo vedere un fornitore, ma succedono troppe cose contemporaneamente per i miei gusti.

Come descriveresti la tua giornata tipica?

Normalmente prendo la bici e vado al mio studio a Gracia, ma potrei dover andare improvvisamente in centro per vedere un cliente o pranzare con un amico. Di solito non so cosa succederà dopo. Mi piace andare in giro; il tempo qui è abbastanza bello da permetterti di uscire di casa in maglietta alle 9:00 e non tornare fino a mezzanotte.
Ti ritieni una persona spontanea?
Sì, mi piace l’ordine, ma mi piace anche quando viene interrotto. Mi piace fare programmi, ma non mi dispiace se poi all'improvviso devo andare a due chilometri di distanza. Normalmente mi piace cambiare percorso, diciamo. È così che scopri nuovi negozi, artigiani, fornitori e ristoranti.
Pensi che la tua spontaneità si rifletta nel tuo lavoro?
Sì, perché quando cammini o vai per una strada in cui non sei mai stato prima, presti più attenzione. Invece di pensare alle cose di tutti i giorni, ti aspetti di incontrare qualcosa di nuovo. È così che cerco ispirazione, nei momenti di questa spontaneità, piuttosto che stando seduto al computer su internet per ore.

C'è un luogo in particolare in cui ti piace andare per trovare ispirazione?

Quando ho tempo, mi piace andare a Montjuïc con mia moglie Elenya. È una collina che si trova nella parte meridionale di Barcellona. Molti degli edifici sono stati costruiti per le Olimpiadi. C’è un contrasto perché sono stati costruiti nel 1900, è più una zona da andare a visitare che residenziale, perché ci sono soprattutto edifici istituzionali, musei e giardini, più che appartamenti. Da un lato, si vede tutta la città e dall’altro, il mare.

Qual è il tuo ristorante preferito a Barcellona?

Di solito vado da Flash-Flash o Il Giardinetto, sono uno di fronte all'altro. Entrambi sono ricchi di un'energia culturale tradizionale: ci vanno spesso architetti e fotografi. Questi sono i posti in cui vado di più, ma adoro quando i miei amici buongustai mi dicono che c'è un nuovo locale in città. Mi piace farmi sorprendere dagli amici a cui piacciono queste esperienze culinarie gourmet.

Chi è il tuo artista musicale di Barcellona preferito?

Non sono molto aggiornato sulla musica contemporanea, ma per quanto riguarda i DJ, direi che Pau Roca è una buona scelta per rappresentare Barcellona.
Ci sono dei fotografi di Barcellona che pensi dovremmo conoscere?
Per quanto riguarda i fotografi, consiglierei Salva Lopez, perfetto negli interiors, Iris Humm per il suo occhio per i dettagli e Coke Bartrina per l'outdoor e il lifestyle. Non vive a Barcellona, ma Camila Fálquez per i ritratti.

Ci sono designer o brand di abbigliamento di Barcellona che consiglieresti?

Oltre a Curated By, consiglierei Shon Mott per la semplicità e l’approccio senza tempo.

Come descriveresti la comunità creativa di Barcellona?

Direi che è un deserto, da 15 anni. La creatività nell'arredamento e nel design non esisteva. Non ho avuto molti colleghi perché non ce ne sono molti. Ma c'è una nuova generazione che si sta affermando con un’identità forte: sa cosa le piace. Sta succedendo contemporaneamente sia a Barcellona che a Madrid, è in crescita e ha una forte personalità. Abbiamo avuto un deserto nella creatività, ma si sta aprendo una nuova era a Barcellona.

In che modo la pandemia ha influenzato il modo in cui crei?

Non so se hai visto il telegiornale, ma siamo stati rinchiusi per mesi, senza vederci, non succedeva niente, come quando il tempo si ferma. Tutti i progetti creativi sono stati messi in standby e le persone nella mia stessa situazione non aspettavano altro che quel momento finisse. È stato davvero intenso, ognuno ha usato il tempo a suo modo. Non creo solo per vivere e per lavoro, creo perché mi piace. Non è stato un momento creativo, era come se a tutti mancassero good vibes ed energia. Ma ha portato novità, perché le persone e le aziende hanno bisogno dei loro progetti per andare avanti.
 

Qual è il prossimo passo per il brand?

Quello che facciamo è produrre oggetti di uso quotidiano senza tempo, cerchiamo di non seguire le tendenze. La presenza dell'industria tessile qui, rende facile realizzare le tue idee. Ora stiamo producendo un pullover di tessuto. E per quanto riguarda gli oggetti, lanciamo un coltello da tavola realizzato con un marchio locale.
 
C’è qualche progetto futuro di cui vorresti parlare?
Ho una mostra collettiva in programma a breve a Milano, che mette insieme tre designer italiani e tre designer di Barcellona. È bello vedere il contrasto. Mi piace quando le città si uniscono perché a volte è difficile entrare in contatto persino con le persone della tua città.